Pane alla zucca

Avevo molta zucca da consumare e ho trovato questa bella ricetta nella app delle ricette per bimby, l’ho modificata facendo qualche prova ed eccola.

Ingredienti

  • 100 g purea di zucca (per ottenerlo, basta cuocere la zucca in forno o in microonde e poi frullarla);
  • 250 g di farina 00;
  • 100 g di farina manitoba;
  • 1 cucchiaio di zucchero di canna;
  • 1 bustina di lievito di birra disidratato;
  • 100 g di latte di soya a temperatura ambiente (se lo avete in frigo, scaldatelo leggermente nel microonde, ma deve essere tiepido non caldo)
  • 1 e 1/2 cucchiaini di sale;
  • 20 g di olio EVO;
  • 30 g di semi di zucca.

Nel boccale del bimby mettere il latte, l’olio, lo zucchero e il lievito e attivare la lievitazione 20 sec./37°/vel. 2. Aggiungere gli altri ingredienti ed impastare per 4 min. / spiga. Trasferire in una ciotola oliata, coprire con la pellicola e lasciar lievitare in camera di lievitazione, ovvero nel forno spento,per 1 ora.

Sistemare la carta forno bagnata e strizzata nello stampo da plumcake. Trasferirvi l’impasto e lasciar lievitare per 30 minuti coperto con la pellicola.

Cuocere in forno preriscaldato a 200° statico per 30 minuti.

E’ ottimo per la colazione, con la marmellata, ma accompagna bene anche pietanze salate.

Plumcake

Questo plumcake usa la stessa base del ciambellone pera e cioccolato e della torta allo yogurt e mirtilli.

Ingredienti

  • 2 vasetti di yogurt di soya bianco non dolcificato;
  • 1 e 1/2 vasetti di zucchero di canna;
  • 2 vasetti di farina 00 o integrale;
  • 1 vasetto di fecola di patate;
  • 1/2 vasetto di olio di semi;
  • 1/2 bustina di lievito tipo paneangeli;
  • Qualche goccia di succo di limone concentrato;
  • Marmellata di more q.b.
  • Olio EVO e pangrattato q.b.

Preriscaldare il forno a 180° statico. Ungere lo stampo da plumcake con olio EVO e far aderire del pangrattato. Non preoccuparsi di eliminare l’eccesso di pangrattato, infatti si staccherà da sé alla fine e potrà essere facilmente eliminato.

In una ciotola, mescolare con una frusta a mano lo yogurt con lo zucchero e l’olio. Unire la farina con il lievito, la fecola, il sale e il succo di limone. Mescolare con la frusta stando attenti ad eliminare i grumi.

Versare il composto nello stampo. Con un cucchiaino prelevare la marmellata e farla cadere dolcemente lungo l’asse centrale del plumcacke, senza spingerla in fondo, infatti, precipiterà durante la cottura.

Cuocere in forno presiscaldato a 180° statico per 30 minuti.

Pizza con la scarola

IMG_0864

La pizza alla scarola è una ricetta tipica campana, normalmente vegana o talvolta proposta nella variante con le alici. Ovviamente io rimango sulla ricetta vegana, e in più la propongo con farina integrale, che mi è piaciuta di più della variante con farina bianca.

Ingredienti

Per l’impasto:

  • 400 g di farina integrale;
  • 220 g di acqua a temperatura ambiente;
  • 1 bustina di lievito di birra in granuli;
  • 1 cucchiaino di malto;
  • 30 g di olio EVO;
  • 1 cucchiaino di sale

Per il topping:

  • 1 scarola media;
  • 1 manciata di olive verdi;
  • 1 spicchio d’aglio;
  • sale;
  • olio EVO q.b.
  • peperoncino (opzionale)

Almeno 3 ore prima preparare l’impasto della pizza. Io uso bimby per impastare ma è ovviamente possibile impastare a mano.

Nel boccale mettere 220 g di acqua a temperatura ambiente, 1 cucchiaino di malto e la bustina di lievito di birra per pizza. Attivare il lievito: 20 sec./37°/vel.2.

Aggiungere la farina, l’olio e il sale e impastare 2 min./spiga.

Trasferire in una bacinella unta con olio EVO, coprire con la pellicola e sistemare nel forno spento -pardon, nella camera di lievitazione 😉 – e aspettare 3 ore.

Quando l’impasto è lievitato, preriscaldare il forno a 250° e intanto preparare il topping.

Lavare la scarola e tagliarla a pezzi. Nella ricetta originale la scarola non è tagliata ma io preferisco tagliarla perché non mi piace quando mordo la pizza tirarmi dietro tutta la scarola 😉

Scottare la scarola in acqua salata bollente per un paio di minuti; quindi trasferirla con la schiumarola in una padella, in cui avremo fatto scaldare l’olio, lo spicchio d’aglio schiacciato, una manciata di olive e a piacere del peperoncino. Lasciar insaporire la scarola.

Stendere la pizza in una teglia oliata, quindi condirla con la scarola e infornare a 250°.

 

Risotto al radicchio Bimby

IMG_0860

Ingredienti per due persone

  • 1 scalogno;
  • 1 cucchiaio di olio EVO;
  • 1 cespo piccolo di radicchio lungo;
  • sale;
  • 180 g di riso Carnaroli (tempo di cottura 16 minuti);
  • vino rosso (o bianco) da cucina;
  • 1 dado vegetale;
  • 450 g di acqua.

Pulire, lavare e mondare il radicchio e tagliarlo a listarelle.

Mettere lo scalogno e l’olio nel boccale e tritare per 10 sec. a vel. 5. Radunare sul fondo, aggiungere il radicchio e il sale e far insaporire per 5 min /90°/antiorario/vel.1.

Aggiungere il riso. Lasciarlo tostare per  5 min /90°/antiorario/vel.1. Verso il terzo minuto di cottura, aggiungere un giro di vino.

Aggiungere il dado, l’acqua, smuovere il fondo con la spatola e avviare la cottura per 16 min./100°/antiorario/vel.1. A fine cottura, lasciar mantecare 1 minuto coperto nel boccale prima di servire.

Non frittata di ceci alla bieta

IMG_0844

A volte mi capita di avere in frigo della bieta gia` lessata perche` mi e` avanzata, e questo e` un modo per “recuperarla”. Ma questa ricetta e` un ottimo “salva-cena” quando proprio non sapete cosa proporre, e si puo` fare con molte altre verdure, piu` o meno quello che avete in frigo…

Ingredienti

  • Bieta lessa o al vapore q.b.
  • 100 g di farina di ceci;
  • 200 g di acqua;
  • sale;
  • rosmarino;
  • olio EVO

Preriscaldare il forno a 200 gradi (infatti e` una non-frittata). Amalgamare la farina e l’acqua con una frusta a mano, aggiungere un giro d’olio, il sale e il rosmarino. In un mondo ideale, il composto dovrebbe riposare per 4 ore in frigo, coperto. Poiche` questo e` un piatto che decido sempre all’ultimo minuto, non l’ho mai fatto riposare, ed esce lo stesso. Unire la bieta tagliata a pezzetti. Rivestite una teglia di carta da forno e oliatela. Versate il composto e infornate. Cuocete per circa 25 minuti.

Muffin salati alla bieta

Ho trovato questa ricetta sull’ottimo giornale weVeg, un mensile che pubblica sempre ottime ricette vegan. L’ho leggermente “rimaneggiata” e realizzata col bimby e quindi annoto qui i passi che ho seguito. Il risultato e` stre-pi-to-so! 😀

IMG_0842.JPG

Ingredienti per circa 12 muffin

  • 30 g di mandorle;
  • 30 g di anacardi;
  • 150 g di farina integrale;
  • 50 g di fecola di patate;
  • 1/2 bustina di lievito istantaneo per pizze e torte salate;
  • sale;
  • 25 g di olio EVO;
  • 200 g di latte di soya non zuccherato;
  • 150 g di bieta cotta;
  • 2 cucchiai di lievito alimentare o grana padano;
  • pangrattato q.b.

Mondare, lavare, spezzettare e lessare la bieta.

Nel bimby mettere le mandorle e gli anacardi, tritare 30 sec. vel.5.5. Radunare sul fondo del boccale e aggiungere la farina integrale, la fecola, il lievito e il sale. Dare qualche colpo di turbo e trasferire in una bacinella.

Nel boccale, mettere l’olio e il latte di soya ed amalgamare bene, 20 sec. vel. 5. Aggiungere la bieta e frullare altri 20 sec. vel. 5. Aggiungere i solidi e il grana (o lievito alimentare) e mescolare 1 minuto a vel.2.

Preparare gli appositi pirottini di carta nella teglia. oliarli leggermente e aggiungere del pangrattato.

Infornare per circa 30 minuti in forno preriscaldatoa 180 gradi.