Zucchine e peperoni gratinati

gratinati

Ingredienti

  • Zucchine
  • Peperoni
  • Pangrattato
  • Aglio
  • Prezzemolo
  • Menta
  • Origano
  • Capperi
  • 1 cucchiaio di aceto
  • 1 cucchiaio di gomasio
  • sale
  • pepe
  • olio extravergine di oliva

Preriscaldare il forno a 180°. Tagliare le zucchine a fette spesse mezzo centimetro. Tagliare i peperoni in quarti.

In una ciotola mescolare il pangrattato con un cucchiaio di aceto. Aggiungere sale, pepe, il gomasio, una manciata di capperi, prezzemolo, menta e aglio finemente tritati. Mescolare.

Foderare la leccarda o una teglia con carta forno. Adagiare le fette di zucchine e peperoni. Cospargere abbondantemente le verdure con il composto di pangrattato. Spruzzare poco olio di oliva e infornare.

Crema all’aglio

aglio2

L’aglio fa benissimo ed è anche buono, se non fosse per la pestilenza che si lascia dietro. In questa ricetta la pestilenza è annullata dalla cottura al forno, che esalta il sapore delicato dell’aglio fresco.

Questa crema è ideale da spalmare sul pane bruschettato o per accompagnare le verdure al vapore o crude.

Ingredienti

  • 2 teste d’aglio fresco
  • 1 barattolo di fagioli cannellini
  • timo
  • olio extravergine di oliva
  • sale

aglio3

Preriscaldate il forno a 180°. Tagliate le teste d’aglio per metà senza pelarle e sistematele in una pirofila coperta di carta forno. salate, spruzzate poco olio e aggiungete il timo e infornate nella parte bassa del forno per circa 45 minuti o comunque fino a quando l’aglio risulterà morbido e dorato. Se comincia a brunire troppo in fretta, coprite con la carta stagnola e continuate la cottura.

Scolate i cannellini e versateli nel bimby o in un frullatore. Schiacciate l’aglio con lo schiacciapatate in modo da eliminare la buccia e far passare la polpa, e unite quest’ultima ai cannellini. Unite qualche cucchiaio d’olio e foglie di timo. Frullate fino ad ottenere una crema. Regolate di sale.

Servite con fette di pane bruschettato. Si conserva in un barattolo ermetico in frigo per qualche giorno.

Frittata di cavolfiore

 

frittata_cavolfiore.JPG

Faccio spesso il cavolfiore al vapore, e quando avanza è un po’ triste da riproporre, allora  lo riciclo in altre ricette, come questa..

Ingredienti

  • 1/2 cavolfiore al vapore o lesso
  • 4 uova
  • prezzemolo
  • sale, pepe
  • olio extravergine di oliva

Sbattere le uova con il sale e il pepe. Aggiungere il prezzemolo tritato finemente. Spezzettare il cavolfiore e aggiungerlo all’uovo. In una padella, scaldare poco olio e quando è caldo, aggiungere il composto. Coprire e cuocere coperto a fuoco lento. A metà cottura, girare la frittata e completare la cottura.

Beet burger

Ingredienti

  • 2 – 3 barbabietole rosse lesse
  • 1 scalogno
  • 1 barattolo di ceci
  • 1 pizzico di cumino
  • 1 pizzico di peperoncino dolce
  • sale
  • pangrattato
  • olio extravergine di oliva

Pelare le barbabietole, tagliarle a pezzettoni e inserirle nel boccale del bimby. Aggiungere lo scalogno tagliato a pezzi, i ceci privati dell’acqua, le spezie e il sale. Cominciare a tritare 1 min / vel 5. Aggiungere il pangrattato per regolare la consistenza e mescolare bene.

Preriscaldare il forno a 180°. Foderare la leccarda con la carta forno e spennellare con olio. Con un coppapasta ricavare i burger e infine spennellarli con l’olio e infornare.

Carciofi ripieni

I carciofi freschi sono di stagione, ma io non li compro praticamente mai. Eppure mi piacciono molto. E’ solo che trovo abbastanza tedioso prepararli e ripiego sui cuori di carciofo surgelati. I carciofi ripieni sono un piatto da pranzo della domenica, quando vogliamo concederci un piacere in più. Però chiaramente per fare i carciofi ripieni ci vogliono proprio i carciofi freschi, allora ho approfittato della recente visita di mia mamma per farmeli fare ;-D e questa è la sua ricetta. E, come spesso accade per le sue ricette, le dosi sono “quanto basta”…

Ingredienti per 4 persone

  • 4 carciofi
  • Pane raffermo
  • Uova
  • Latte
  • Parmigiano grattugiato o in alternativa pecorino
  • Cubetti di scamorza o in alternativa caciocavallo o provolone
  • Prezzemolo
  • Pangrattato
  • Sale, pepe (opzionale)

Per il sugo

  • Salsa di pomodoro
  • 1/2 scalogno o cipolla
  • Estratto di pomodoro (opzionale)
  • Olio extravergine di oliva

Avviare il sugo di pomodoro: in una pentola alta (dovrà contenere i carciofi completamente sommersi nel sugo), far dorare lo scalogno nell’olio, e aggiungere la salsa di pomodoro, l’estratto e abbondante acqua. Salare.

Pulire i carciofi eliminando le foglie più dure e tagliando le punte delle foglie rimanenti. Tagliare il gambo a pezzetti (il gambo è forse la parte del carciofo che preferisco). Lasciare i carciofi in acqua, se preferite aggiungete il succo di mezzo limone per evitare l’ossidazione, ma è opzionale, visto che con la cottura le parti ossidate spariranno comunque.

Spezzettare il pane raffermo e inzupparlo nel latte (o in alternativa in acqua). Strizzarlo ed eliminare il liquido in eccesso. Aggiungere le uova, il sale, il parmigiano, la scamorza a cubetti, il prezzemolo, e il pangrattato quanto basta per dare la consistenza come per fare le polpette.

In una padella larga, cominciare a scaldare una piccola quantità di olio.

Riempire i carciofi, inserendo il composto nella parte centrale e anche tra le foglie. Mano a mano che procedete, trasferite i carciofi ripieni nella padella appoggiandoli dalla parte del ripieno. Lo scopo è di formare una crosticina sul ripieno per evitare che il ripieno si spappoli nella successiva cottura nel sugo.

Infine trasferire i carciofi nel sugo di pomodoro e lasciar cuocere i carciofi completamente sommersi. Lasciar restringere il sugo senza aggiungere altra acqua.

Se vi avanza del ripieno, potete fare delle polpette! Il sugo può essere usato per condire la pasta (se necessario fatelo restringere ancora dopo aver tirato i carciofi), mia mamma propone spesso i cavatelli con questo sugo.

polpette_di_pane

Frittata di asparagi e primosale

frittata

Questa è una ricetta lucana tipica del periodo pasquale. Il primosale (scavudat) è un formaggio leggero che io amo molto.

Ingredienti

  • 3 uova
  • Primosale, tagliato a cubetti
  • Asparagi
  • Sale, pepe (opzionale)
  • Olio extravergine di oliva

Lavare gli asparagi e spezzarli. Lessarli per qualche minuto oppure, come io preferisco, metterli in un piatto e passarli per circa 7 – 8 minuti in microonde alla massima potenza.

Intanto sbattere le uova ed aggiungere il sale. Aggiungere delicatamente i cubetti di primosale, salare gli asparagi e aggiungerli al composto.

In una padella larga dotata di coperchio, scaldare l’olio e versare il composto. Coprire e lasciar cuocere a fuoco lento. Quando la frittata risulta cotta da un lato, girarla con l’aiuto del coperchio e terminare la cottura.

Tortino dell’orto

IMG_0670

Ingredienti

  • 5 patate piccole o 3 grandi;
  • 3 carote medie;
  • 2 zucchine;
  • 1 scalogno;
  • pangrattato;
  • 100 g di Caciocavallo Podolico dell’Appennino Lucano;
  • 2 cucchiai di Grana Padano;
  • 1 uovo;
  • pangrattato q.b.;
  • olio EVO;
  • noce moscata;
  • sale,
  • pepe (opzionale).

Lavare le patate e metterle a cuocere in acqua salata nella pentola a pressione, 10 minuti dal fischio. Scolarle, pelarle e schiacciarle con lo schiacciapatate. Intanto lavare e mondare gli ortaggi. Pelare le carote e lo scalogno. Tritare gli ortaggi e lasciarli insaporire in un tegame con un cucchiaio d’olio per 15 minuti, alla fine unirli alle patate schiacciate. Aggiungere l’uovo, il sale e la noce moscata. Tagliare il caciocavallo a cubetti ed unirlo al composto.

Oliare una teglia da plumcacke (stretta e lunga) anche sui bordi, e ricoprire con abbondante pangrattato, assicurandosi che aderisca ai bordi. Versarvi il composto e spianarlo aiutandosi con un cucchiaio). Ricoprire di abbondante pangrattato e il Grana.

Cuocere a 200 gradi in forno preriscaldato per 40 minuti.

Edit: Nella foto sotto, una variante con i broccoli al posto di carote e zucchine.