Crema all’aglio

aglio2

L’aglio fa benissimo ed è anche buono, se non fosse per la pestilenza che si lascia dietro. In questa ricetta la pestilenza è annullata dalla cottura al forno, che esalta il sapore delicato dell’aglio fresco.

Questa crema è ideale da spalmare sul pane bruschettato o per accompagnare le verdure al vapore o crude.

Ingredienti

  • 2 teste d’aglio fresco
  • 1 barattolo di fagioli cannellini
  • timo
  • olio extravergine di oliva
  • sale

aglio3

Preriscaldate il forno a 180°. Tagliate le teste d’aglio per metà senza pelarle e sistematele in una pirofila coperta di carta forno. salate, spruzzate poco olio e aggiungete il timo e infornate nella parte bassa del forno per circa 45 minuti o comunque fino a quando l’aglio risulterà morbido e dorato. Se comincia a brunire troppo in fretta, coprite con la carta stagnola e continuate la cottura.

Scolate i cannellini e versateli nel bimby o in un frullatore. Schiacciate l’aglio con lo schiacciapatate in modo da eliminare la buccia e far passare la polpa, e unite quest’ultima ai cannellini. Unite qualche cucchiaio d’olio e foglie di timo. Frullate fino ad ottenere una crema. Regolate di sale.

Servite con fette di pane bruschettato. Si conserva in un barattolo ermetico in frigo per qualche giorno.

Tagliatelle all’uovo con asparagi e spunzali

tagliatelle1

Ingredienti per 3-4 persone

Per la pasta

  • 100 g di farina tipo 0
  • 100 g di farina di semola + q.b.
  • 2 uova
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • 1 pizzico di sale

Per il condimento

  • 2 cipollotti freschi (spunzali)
  • 1 mazzetto di asparagi
  • vino bianco
  • sale
  • pepe
  • olio extravergine di oliva
  • Grana Padano

Preparazione della pasta

Con il bimby:

Mettete gli ingredienti nel boccale e impastate 2 min. modalità spiga. L’impasto risulterà sbriciolato. Raccoglietelo e continuate ad impastarlo sul piano di lavoro fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Lasciate riposare sotto a un piatto fondo girato per 15 minuti.

A mano:

Mescolate le farine in una ciotola o sul piano di lavoro. Praticate un buco al centro e inserite le uova, il sale e l’olio e con una forchetta cominciate a incorporare la farina. Quando la consistenza lo consente, continuate ad impastare a mano fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Lasciate riposare sotto a un piatto girato per 15 minuti.

Preparazione delle tagliatelle

Trascorsi i 15 minuti di riposo della pasta, suddividetela con un tagliapasta in 4 – 6 tocchetti e lavorateli uno a uno. Conservate gli altri sotto al piatto per evitare che si asciughino troppo.

Infarinate il piano di lavoro con la semola.

Lavorate un tocchetto di pasta dandogli la forma di un disco. A questo punto si può proseguire a lavorare a mano con il mattarello, oppure con la macchina della pasta.

Con la macchina della pasta, cominciate a far passare tre – quattro volte la pasta impostando lo spessore maggiore possibile (il numero più basso). Man mano, ripiegate la pasta, in modo da dargli una forma regolare, e fatela passare ancora nella macchina. Quando siamo soddisfatti della forma e della lavorazione, cominciamo ad affinare lo spessore progressivamente aumentando il numero sulla macchina.

A me le tagliatelle piacciono spesse, per cui mi fermo ad uno spessore 5, ma se vi piacciono più sottili potete farle a 6. Spostate quindi il manico nella parte delle tagliatelle e passate la pasta. Man mano che fate le tagliatelle, deponetele su un asciugapasta o sulla leccarda coperta da un canovaccio o carta cucina, e spargete un po di semola per evitare che si incollino.

Preparazione generale

Affettate finemente i cipollotti e dorateli nell’olio in una padella dai bordi alti. Quando sono dorati, sfumate con vino bianco.

Pulite gli asparagi rimuovendo la parte legnosa, e lavateli. Mettete a bollire abbondante acqua nella pentola in cui normalmente cuocete la pasta. Quando bolle, salate e immergete gli asparagi interi, e lasciateli scottare per 4-5 minuti. Tirateli su con la schiumarola e utilizzate l’acqua di cottura per cuocere le tagliatelle per circa 3 minuti (ma il tempo dipende dallo spessore della pasta ed è bene assaggiare).

Tagliate gli asparagi a rondelle e insaporiteli in padella con i cipollotti e un mestolo di acqua di cottura. Scolate le tagliatelle e spadellatele. Aggiustate di sale, pepate e spolverate di Grana Padano.

tagliatelle3

Salmorejo

salmorejo

Il salmorejo è una zuppa fredda a base di pomodoro, tipica di Cordoba. Viene servita normalmente con uovo sodo. E’ più densa e corposa del gazpacho, per la presenza di pane.

Ingredienti per 2 persone

  • 3 pomodori cuore di bue
  • 2 panini bianchi
  • 1 cucchiaino di aceto
  • 1/2 spicchio d’aglio privato del cuore
  • sale, pepe
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 2 uova

Rassodare le uova cuocendole in acqua per 15 minuti da quando cominciano a bollire.

Lavare i pomodori, tagliarli a pezzettoni, eliminando la parte verde e metterli nel boccale del bimby. Aggiungere il pane tagliato a pezzetti. Se il pane è fresco, non è necessario aggiungere acqua, se è duro invece occorre lasciar assobire al pane un po’ di acqua fredda per farlo ammorbidire. Aggiungere l’aglio a fettine sottili, l’aceto,  il sale e pepe e frullare 1 min. vel. 6.

Impiattare e aggiungere un cucchiaio di olio.

Servire con l’uovo sodo.

Pane di segale con preimpasto di lievito madre

Per questo pane ho seguito una ricetta in tedesco, e ringrazio Anne per la traduzione, visto che il traduttore automatico mi lasciava non poche perplessità. La caratteristica interessante di questo pane è che si esegue il preimpasto e si utilizza il lievito madre, per cui si ottiene quella consistenza morbida e quei buchini tipici come si vede in foto.

Il gusto è buonissimo, la pasta è decisamente morbida. Ci sono in commercio dei cestini che servono proprio per dare la forma (mi è stato utile un video su youtube che spiega come impastare e mostra l’uso del cestino), oppure si può usare uno stampo.

Ho impastato usando il bimby, anche se l’impasto è talmente morbido che si può impastare a mano senza nessuna fatica, magari con l’aiuto dell’apposita spatola.

Ingredienti per il preimpasto (richiede 12 – 14 ore di lievitazione)

  • 250 g ​​di farina integrale di segale
  • 250 g ​​di acqua
  • 25 g lievito madre in polvere
  • 2 cucchiaini di zucchero o 1 di malto

Ingredienti per l’impasto

  • 1 dose di preimpasto
  • 250 g di farina di segale
  • 200 g di farina di forza + q.b
  • 325 g di acqua
  • 2 – 2 1/2 cucchiaini di sale
  • 10g di lievito madre in polvere
  • 1 cucchiaino di zucchero o malto

Procedimento per il preimpasto

Nel boccale del bimby mettere l’acqua, lo zucchero e il lievito in polvere, 1 min / 37° / vel. 1. Aggiungere la farina e impastare 4 min. funzione spiga. Lasciar riposare nel boccale o in una bacinella coperta per 12 – 14 ore. Se rimane più a lungo, il pane avrà un sapore più piccante / amarognolo.

Procedimento per l’impasto

Nel boccale del bimby, dove è già il preimpasto, aggiungere le farine, l’acqua a temperatura ambiente, 2 cucchiaini di sale, il lievito e lo zucchero, e impastare per 10 min. funzione spiga. Lasciar riposare nel boccale per 30 minuti.

Foderare uno stampo di carta forno o, se si usa il cestino, infarinarlo.

Infarinare abbondantemente il piano di lavoro. Impastare delicatamente, schiacciando e piegando, rigirando le pieghe nella parte inferiore. Infine dare una forma rotonda al pane. Trasferire nell’apposito cestino da lievitazione ben infarinato (vedi video esplicativo) oppure direttamente nello stampo. Lasciar riposare altri 50 min.

Preriscaldare il forno a 220°. Infornare quando il forno è già caldo. Se utilizzate il cestino, capovolgetelo velocemente sulla teglia e infornate immediatamente, per evitare che si spanci. Cuocere per 50 min. Infine togliere il pane dallo stampo e trasferirlo su una gratella e lasciar raffreddare.

Plumcake alle castagne

dolce_alle_castagne.JPG

Questa ricetta è tratta dal mensile weVeg.

Ingredienti

  • 85 g di farina di castagne
  • 85 g di farina Tipo 0
  • 180 ml di latte di soia non zuccherato
  • 100 g di zucchero di canna
  • 50 g di cioccolato fondente all’80%
  • 3 cucchiaini di yogurt di soia naturale
  • 35 ml di olio di semi
  • 1/2 bustina di lievito
  • 20 g di noci
  • 20 g di uvetta
  • 20 g di pinoli
  • 1 pizzico di sale

Preriscaldare il forno a 180°. Foderare lo stampo da plumcake di carta forno. Bagnando la carta forno, risulta più facile. In alternativa, oliare e cospargere di pangrattato.

Sciogliere il cioccolato a bagnomaria, o usando il bimby, per qualche minuto a 37° vel. 1. Aggiungere l’olio, lo yogurt, il latte e amalgamare.

Unire le farine, il lievito, lo zucchero, il sale e mescolare accuratamente evitando la formazione di grumi.

Versare l’impasto nello stampo. Unire la frutta secca e mescolare leggermente con una spatola in modo da farla appena affondare.

Cuocere in forno preriscaldato per 40 minuti, ed effettuare la prova stuzzicadenti.

Pizza bufalina

Il sabato sera mio marito, da buon Campano,  pretende la pizza, e spesso la facciamo a casa. La mia preferita è la bufalina, come la chiamano qui in Lombardia. In Campania, la mozzarella di bufala sulla pizza è la regola, ma qui nelle pizzerie normalmente usano la mozzarella vaccina, quindi la pizza con la mozzarella di bufala prende il nome di Bufalina.

Quella nella foto è fatta con scamorza affumicata di bufala, che noi congeliamo in pezzi e scongeliamo all’occorrenza. Per scongelarla, basta passarla in frigo al mattino, e la sera è pronta per essere affettata.

Per quanto riguarda la salsa di pomodoro, ci sono due scuole di pensiero. Alcuni preferiscono la salsa di pomodoro cruda, e quando ho poco tempo seguo questa scuola, a patto di usare ingredienti di primissima qualità, perché il pomodoro acido non si può accettare (ho abbandonato diverse pizzerie per questo). Secondo il mio gusto, io preferisco il sugo cotto.

Io impasto col Bimby seguendo la ricetta del ricettario di base. Si ottengono due pizze oppure una sola bella alta, io preferisco farne due tirate. Le dosi riportate sono sufficienti per 3 – 4 persone, oppure per due persone che amano gli avanzi di pizza il giorno dopo 😉

Ingredienti per l’impasto

  • 400 g di farina tipo 0
  • 220 g di acqua
  • 15 g di olio extravergine di oliva + q.b.
  • 1 bustina di lievito di birra granulare
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 cucchiaino di sale

Ingredienti per il topping

  • 200 g di mozzarella di bufala o scamorza di bufala o provola
  • 1 tazza di salsa di pomodoro
  • 1 tazza di pomodori pelati
  • origano
  • 1 spicchio d’aglio
  • peperoncino dolce (questo è il mio tocco lucano, io uso il peperone di Senise!)
  • 2 cucchiai olio extravergine di oliva
  • sale q.b.
  • qualche foglia di basilico a crudo

Preparare l’impasto in anticipo, tenendo conto che deve lievitare per almeno 2 ore.

Nel boccale del Bimby,  mettere 220 g di acqua,  1 cucchiaino di zucchero, la bustina di lievito e mescolare 20 sec / 37° / vel 1. Aggiungere la farina e il sale e impastare 4 min funzione spiga.

Oliare una bacinella e trasferirvi l’impasto. Coprire con la pellicola o un coperchio (io uso le bacinelle col coperchio di plastica dell’ikea) e lasciar lievitare nel forno spento per almeno 2 ore.

Preparare la salsa di pomodoro. Mettere nel boccale 2 cucchiai di olio extravergine di oliva, il peperoncino dolce e lo spicchio d’aglio e insaporire 3 min / 100° / vel 1 antiorario. Rimuovere l’aglio. Unire la salsa di pomodoro e i pelati, aggiungere qualche cucchiaio di acqua, regolare di sale e cuocere 20 min / 100° / vel 2.

Accendere il forno alla massima temperatura e sistemare due ripiani. Per ottenere una cottura uniforme, le due pizze andranno scambiate di posto a metà cottura.

Tagliare la mozzarella a fettine sottilissime e lasciarla “scaricare” l’acqua in eccesso sul tagliere.

Oliare due teglie se si desidera la pizza sottile, o una se si desidera alta. Con le mani ben unte, stendere la pasta nelle due teglie. Se stendendola si ritira, lasciarla riposare 10 minuti e stenderla ancora.

Con un cucchiaio, stendere la salsa di pomodoro sulle pizze, quindi l’origano e infine la mozzarella.

Infornare in forno ben caldo. Per controllare la cottura, occorre sollevare la pizza e controllare se la parte inferiore è cotta.

Torta Caprese

caprese.JPG

Era da tanto che volevo fare la torta caprese, ma non trovavo una ricetta soddisfacente. Alla fine ho preso come base questa, che è molto carina e spiega la consistenza fondente che deve avere, lo stampo da usare e dà spunti per la decorazione. Credo che nella ricetta originale ci debbano essere anche le nocciole di Giffoni, e le ho aggiunte. Inoltre, ho aggiunto il cremor tartaro.

Ho usato il Bimby per  alcuni passaggi ma non per tutti, visto che mi trovo meglio a montare a neve con lo sbattitore elettrico, e comunque trovo noioso dover lavare il bimby tra un passaggio e l’altro. Preferisco sporcare mille cose e poi infilare tutto in lavastoviglie 😉

Questa torta è adatta anche per i celiaci perché non contiene glutine.

Ingredienti

  • 185 g di mandorle o farina di mandorle
  • 55 g di nocciole di Giffoni
  • 125 g di cioccolato fondente
  • 125 g di burro
  • 3 uova
  • 125 g di zucchero
  • buccia di 1 arancia
  • 2 cucchiai di rum
  • 1 cucchiaino di cremor tartaro
  • 1 pizzico di sale
  • zucchero a velo ed eventualmente cacao amaro per la decorazione

Foderare lo stampo con carta forno. Grattugiare la scorza d’arancia. Accendere il forno a 180°.

Mettere le mandorle nel boccale del Bimby e ridurle in polvere per qualche secondo a velocità 10. Mettere da parte in una scodella.

Mettere le nocciole nel boccale, tritare a vel.6 per qualche secondo, evitando di polverizzare. Infatti, mentre nel caso delle mandorle volevamo ottenere una farina, nel caso delle nocciole vogliamo ottenere una granella. Unire le nocciole alle mandorle.

Inserire nel boccale del Bimby il cioccolato tagliato a pezzettoni e polverizzare per qualche secondo a velocità 10. Inserire il burro a fiocchetti e sciogliere a bagnomaria per 2 min. / 37° / vel 1. Se non si è ancora sciolto, raccogliere sul fondo con la spatola e continuare per qualche secondo.

Separare i tuorli dagli albumi. Mettere gli albumi in un’ampia terrina preferibilmente di metallo, con il cremor tartaro, e montare a neve.

Montare i tuorli con lo zucchero. Aggiungere il sale, la buccia d’arancia e il rum. Trasferire nel boccale del Bimby dove c’è il cioccolato fuso. Unire la farina di mandorle con la granella di nocciole e mescolare. Trasferire nella terrina degli albumi, e incorporare mescolando con una spatola da sotto a sopra.

Infornare e cuocere a 180° per 30 minuti.